Scegliere la scuola primaria e materna: cosa considerare per i propri figli

Durata di lettura dell’articolo: 5 minuti 

La scelta della scuola primaria e dell’infanzia è una decisione cruciale che ogni genitore deve affrontare, consapevole dell’impatto significativo che tale scelta avrà sullo sviluppo complessivo del proprio figlio. Queste prime due fasi educativa gettano le basi per il percorso scolastico futuro, influenzando lo sviluppo cognitivo, sociale e affettivo del bambino. Le scuole materna e primaria rappresentano, infatti, due tappa fondamentale nel cammino educativo, dove i bambini non solo acquisiscono conoscenze accademiche, ma imparano anche a interagire con i coetanei, sviluppano relazioni e costruiscono il proprio carattere.

In questo articolo di Bambinipiù, ci proponiamo di fornire breve una guida pratica su come affrontare questa importante decisione, offrendo una panoramica di ciò che i genitori dovrebbero considerare per garantire il miglior percorso educativo per i loro figli.

I fattori da considerare nella scelta della scuola dell’infanzia e primaria

Scegliere la scuola giusta per il proprio bambino può essere una sfida. Tuttavia, alcuni fattori chiave possono guidare i genitori in questa decisione cruciale.

  1. Budget economico
    Il primo aspetto da considerare è il budget a disposizione. Le scuole private offrono programmi educativi e attività extracurriculari diversificati ma possono non essere accessibili a tutti. È fondamentale bilanciare il desiderio di un’istruzione di qualità con le possibilità economiche della famiglia.
  2. Logistica e comodità
    Considerate il tempo e i mezzi necessari per portare il bambino a scuola, specialmente se la scelta ricade su un istituto più lontano. Una scuola vicina a casa o al posto di lavoro può facilitare la gestione quotidiana e consentire una maggiore partecipazione alle attività scolastiche.
  3. Tipologia di frequenza
    Valutate se iscrivere il bambino a una scuola a tempo pieno o a una che fa solo la mattina e qualche rientro pomeridiano. Questa scelta dipenderà dagli impegni lavorativi dei genitori e dall’attitudine del bambino.
  4. Ambiente scolastico
    Un fattore cruciale è l’ambiente scolastico. Una scuola con un ambiente emotivamente sereno e coinvolgente favorisce un apprendimento efficace. La presenza di spazi all’aperto arricchisce l’esperienza scolastica. Inoltre, la collocazione della scuola in un’area poco trafficata può essere un vantaggio per la salute e il benessere del bambino.
  5. Offerta educativa
    Considerate l’offerta educativa della scuola. L’insegnamento dell’inglese da parte di insegnanti madrelingua, la disponibilità di laboratori pratici, attività di gruppo e l’uso di tecnologie digitali sono tutti elementi che possono arricchire l’esperienza educativa. È importante anche che la scuola sia attrezzata per supportare i bambini con esigenze speciali, come la dislessia.
  6. Compiti e carico di studio
    Valutate il carico di lavoro assegnato ai bambini. Una scuola che sovraccarica i bambini di compiti a casa può limitare il loro tempo per attività creative e ricreative, essenziali per un equilibrato sviluppo cognitivo e emotivo.

Ricordatevi che i bambini hanno delle incredibili capacità di adattamento e di superare e affrontare i problemi. Se quindi vi trovate nelle condizioni di non poter scegliere e siete costretti a mandare il bambino nella scuola più vicina a casa (o vicina ai nonni), sappiate che, con il vostro aiuto, potrà comunque riceverne il meglio e superare eventuali difficoltà. Il tutto maggior impegno da parte vostra per colmare eventuali lacune scolastiche o per aiutarlo a convivere con insegnanti negativi. La differenza la potrete fare sempre voi.

Come scegliere la scuola dell’infanzia

La scelta della scuola dell’infanzia è un passo significativo per il bambino e la sua famiglia. Ecco alcuni aspetti importanti da considerare.

  • Reazioni dei bambini: osservare le reazioni dei bambini che frequentano la scuola può offrire preziose indicazioni. Se i bambini appaiono entusiasti e felici di andare a scuola e mostrano un forte affetto verso le insegnanti, è un segnale positivo dell’ambiente scolastico.
  • Strutture e spazi: un ambiente stimolante è fondamentale. Verificate se la scuola dispone di spazi all’aperto come giardini e palestre e considerate la sua posizione in relazione al traffico. Una scuola situata in un’area tranquilla e meno inquinata offre benefici per la salute e il benessere dei bambini.
  • Progetto educativo: valutate l’offerta educativa della scuola, specie la presenza di insegnanti madrelingua per le lezioni di inglese e la varietà di laboratori (come cucina, yoga o musica). Questi elementi arricchiscono l’esperienza educativa dei bambini e favoriscono lo sviluppo di diverse competenze.
  • Preparazione alla scuola elementare: è importante che la scuola dell’infanzia prepari i bambini all’ingresso nella scuola primaria. Verificate se la scuola propone attività di pre-lettura e pre-scrittura, elementi cruciali per un buon avvio alla scuola elementare.
  • Approccio emotivo e pedagogico: la qualità dell’ambiente emotivo è cruciale. Una scuola che valorizza ogni bambino e che crea un ambiente emotivamente coinvolgente e sereno è fondamentale per il benessere e la crescita dei piccoli.
  • Contesto naturale e salutare: considerate l’ambiente fisico in cui la scuola è situata. Una scuola immersa nella natura o in un contesto salutare, dove i bambini possono trascorrere molto tempo all’aperto, contribuisce notevolmente al loro benessere fisico e mentale.

Ricordate, la scelta della scuola dell’infanzia dovrebbe essere guidata non solo dalle necessità pratiche ma anche dal desiderio di fornire al proprio bambino un ambiente ricco di opportunità di apprendimento, crescita emotiva e sviluppo sociale.

Come scegliere la scuola primaria

La scelta della scuola primaria è determinante per il futuro percorso educativo e formativo del bambino. Ecco alcuni aspetti che i genitori dovrebbero tenere in mente.

  • Offerta linguistica: l’apprendimento delle lingue straniere, in particolare l’inglese, è fondamentale al giorno d’oggi. Verificate quante ore di inglese sono previste nel programma scolastico e se ci sono insegnanti madrelingua.
  • Laboratori e attività pratiche: considerate se la scuola offre laboratori pratici all’aperto, attività motorie e attività di gruppo.
  • Personalizzazione dell’apprendimento: valutate se la scuola adotta un approccio educativo personalizzato, che tenga conto delle diverse capacità e inclinazioni dei bambini, piuttosto che un approccio uniforme.
  • Innovazione tecnologica: una scuola tecnologicamente avanzata, che propone laboratori digitali e integra le nuove tecnologie nell’insegnamento, prepara i bambini ad approcciarsi con sicurezza nel mondo digitale.
  • Carico di studio: valutate l’equilibrio tra attività scolastiche e tempo libero. Un eccesso di compiti a casa può essere controproducente, limitando il tempo che i bambini possono dedicare ad attività creative, al gioco e al riposo. Più spazio togliamo ai nostri ragazzi da dedicare alle loro passioni e ad attività creative, autogestite, e più avranno difficoltà nella loro realizzazione.
  • Supporto per le difficoltà di apprendimento: se il vostro bambino ha bisogni educativi specifici, come la dislessia, è fondamentale che la scuola sia attrezzata per fornire il supporto necessario.
  • Ascoltare le esperienze altrui: ascoltate le opinioni di altri genitori e considerate le esperienze dei bambini che hanno frequentato o frequentano la scuola.

Queste informazioni possono offrire una visione realistica dell’ambiente scolastico.

In conclusione

La decisione riguardante la scuola primaria e dell’infanzia è un passo importante per i genitori e i bambini. Questa scelta può gettare le basi per il successo scolastico e personale del bambino, influenzando il suo percorso educativo, le sue relazioni sociali e la sua visione del mondo. È quindi essenziale che i genitori si prendano il tempo necessario per valutare attentamente tutte le opzioni disponibili.


Ogni bambino è unico e ciò che funziona per uno potrebbe non essere adatto per un altro. La scelta della scuola ideale dovrebbe basarsi sulle esigenze individuali del bambino, le sue inclinazioni e i suoi interessi, oltre che sulle circostanze familiari. È fondamentale che i genitori ascoltino e valutino attentamente le proprie intuizioni, oltre alle informazioni raccolte.

Non aspettare ancora, fai subito la differenza

e scopri tantissimi altri argomenti con il percorso

Piccoli Geni da 18 a 36 mesi

acquista ora il tuo videocorso, scegli tra il piano che preferisci

Genitori efficaci: come dare il meglio ai propri figli nel rispetto dei propri bisogni

✨ € 69,90 ✨

 

Videocorso Singolo

Genitori efficaci: come dare il meglio ai propri figli nel rispetto dei propri bisogni

✨ € 69,90 ✨

 

Videocorso Singolo

✅ 7+ ore di videocorso suddiviso in micro capitoli

✅ 2 workbook pratici
⚪ Come favorire il successo dei nostri bambini
⚪ La piramide dei bisogni delle mamme

✅ La metafora del seme

✅ 3 Video di sintesi pratica

✅ Modulo Bonus ⭐ Notti inquiete: aiuta tuo figlio a dormire meglio e a svegliarsi di meno

✅ Modulo Bonus ⭐ Coccole, massaggi, holding e taping con bambini da 1 a 3 anni

Piccoli Geni

da 18 a 36 mesi

✨ € 299,00 ✨

 

Percorso completo

Piccoli Geni da 18 a 36 mesi

✨ € 299,00 ✨

 

Percorso completo

✅ Tutto quello che c’è in Genitori efficaci: come dare il meglio ai propri figli nel rispetto dei propri bisogni

✅ Giochi e attività per l’intelligenza, la memoria, la motricità fine e la creatività da 18 a 36 mesi

✅  Lo sviluppo motorio da 18 a 36 mesi: dalle capovolte alle basi per i primi sport

✅ Come creare l’ambiente adatto ed organizzare al meglio la giornata da 1 a 3 anni

✅ Attività e strategie per favorire il linguaggio da 18 a 36 mesi

✅ Modulo Bonus ⭐ Come educare i bambini alla ricchezza e alla abbondanza

✅ Modulo Bonus ⭐Suggerimenti pratici per aiutare i bambini a gestire al meglio le paure

✅ Modulo Bonus ⭐ Bambini e animali: incontro con la veterinaria

✅ Modulo Bonus ⭐Il ruolo determinante dell’alimentazione nella salute dei bambini

✅ Modulo Bonus ⭐ Gli adulti parlano, i bambini disegnano: incontro con la psicoterapeuta